Etiopia, Abobo - Health Center

In corso
africa

Abobo è un villaggio di circa 4000 abitanti situato a una cinquantina di chilometri da Gambella, nell'estremo ovest dell'Etiopia, vicino al confine con il Sud Sudan.
A differenza dall’altipiano etiopico, dove si trova la capitale Addis Abeba, la regione di Gambella è caratterizzata da un clima caldo e umido e una temperatura media annuale di 31 gradi che aumenta gradatamente da gennaio ad aprile fino a raggiungere i 40-45 gradi nei mesi più caldi. 

La popolazione locale è costituita da gruppi etnici diversi tra loro per lingua e cultura di origine sud-nilotica, che convivono pacificamente. Il gruppo degli amarici è in minoranza. Ci sono anche gruppi provenienti dall’altipiano deportati da aree sovrappopolate durante il periodo della carestia nel regime politico precedente, ai quali negli anni si sono pian piano aggiunti altri gruppi migrati alla ricerca di lavoro o di un pezzo di terra coltivabile.

Date le caratteristiche climatiche le patologie più comuni sono la malaria, la tubercolosi e l’Aids. Negli ultimi anni poi si è assistito ad un aumento di casi di malnutrizione nei bambini, che necessitano di assistenza e supervisione su tempi lunghi.

Il progetto di Abobo è nato all'inizio del 2002 come un Centro Sanitario al servizio della zona, sotto la responsabilità della Chiesa Cattolica locale. In nome di quest'ultima il progetto è stato affidato fin dall’inizio ad un gruppo di volontari italiani e spagnoli. Al momento sono presenti due volontarie che vivono ad Abobo da molti anni, tra cui la dottoressa italiana Maria Teresa Reale, affiancate per brevi periodi da altri operatori. 

Oggi, l'Abobo Health Center - Catholich Church Project con il suo staff medico e con più di 50 membri di personale sanitario offre un servizio a circa 22.000 persone della zona come beneficiari diretti e oltre 200.000 persone come beneficiari indiretti. Questi ultimi provengono da distretti differenti, nei quali non c'è un servizio sanitario o non è adeguato e sufficiente. L'ospedale più vicino è solo a Gambella e per gli interventi più difficili bisogna andare a Addis Abeba a 800 chilometri di distanza! 
Per questo i servizi offerti dall'Abobo Health Center sono ormai da 15 anni di fondamentale importanza per migliaia di abitanti della zona.

Infine, l’Health Center di Abobo è anche impegnato in molteplici attività nel campo curativo, preventivo e di animazione comunitaria e promozione della salute nei diversi villaggi circostanti.

Dettagli progetto

Dal punto di vista del personale, i responsabili della direzione dell'ospedale di Abobo si sono dati l'obiettivo di formare alcuni giovani del luogo come infermieri investendo nella loro educazione e formazione. Tutti gli infermieri sono locali, ma purtroppo si riscontra una carenza di medici, principalmente perchè Abobo è in una regione davvero remota. Si lavora dunque cercando di seminare esperienze, conoscenze e competenze, sperando che queste germinino capacità di autonomia per il futuro.

Per quanto riguarda la sostenibilità economica del progetto, dal 2002 al 2012 circa l'Health Center è stato finanziato dall'ONG spagnola Manos Unidas. Oggi il sostegno economico arriva da apporti di donatori privati, gruppi ecclesiali o di volontariato in Italia o Spagna. I contributi governativi sono minimi, nonostante le autorità si rendano conto del problema sanitario enorme che sorgerebbe se l'ospedale smettesse di funzionare. 
Nell’ultimo anno l’Health Center ha ottenuto dal Governo regionale l’accordo ad un contributo annuo (una percentuale minore di un quarto del budget annuale) da devolvere alla copertura di una parte dei salari del personale qualificato.

Una voce importante del budget è quella delle medicine e del materiale medico. In Etiopia per alcune patologie, come malaria, TBC e AIDS, esiste un supporto farmacologico per tutte le strutture sanitarie, grazie a sovvenzioni di organizzazioni internazionali che aiutano il Governo etiope. Dunque anche l'Health Center di Abobo riesce a beneficiare di questo supporto per alcune malattie, ma per tutte le altre la struttura deve provvedere autonomamente all’acquisto sia delle medicine che del materiale sanitario necessario.

A volte il Centro è stato costretto ad affrontare spese impreviste, che non erano considerate nel budget annuale, per esempio dei guasti inattesi al generatore o a macchinari indispensabili per la routine quotidiana del servizio sanitario. In tali casi, la situazione economica si è fatta ancora più critica.

Attraverso la generosità dei donatori svizzeri, la Fondazione Opera Don Bosco nel Mondo sostiene le attività dell’Health Center di Abobo da qualche anno.

Ad oggi sono stati inviati i seguenti contributi, per l'acquisto di medicinali e materiale sanitario:
- Nel 2015: CHF 27.500
- Nel 2016: CHF 16.600
- Nel 2017: CHF 7.000

Grazie per il vostro preziosissimo sostegno!