Etiopia, Abol - Costruzione della nuova missione

In corso
africa
Campo da basket e pallavolo

Nel 2014 i salesiani della diocesi di Gambella in Etiopia hanno avviato la costruzione di una nuova missione ad Abol, un piccolo villaggio vicino alla città di Gambella, verso il confine con il Sud Sudan.
Il progetto è nato dalla necessità di offrire ai giovani e ai bambini un luogo dove poter giocare e soprattutto accedere a programmi educativi e di formazione.

La nuova missione comprende un campo da basket e pallavolo, un salone polifunzionale, una scuola materna, delle cisterne per l'acqua, i servizi igienici, un pozzo e un'abitazione per chi gestisce il centro.

I servizi offerti sono fondamentali per Abol. Infatti, non ci sono in zona altre scuole per bambini al di sotto dei 7 anni, né centri ricreativi o sportivi per i giovani. E' importante organizzare per loro delle attività o dare loro uno spazio dove fare sport, invece che perdere tempo per la strada e nei bar. 

Anche il pozzo ha cambiato la vita del villaggio, dove non esiste un impianto idrico pubblico. L'acqua del pozzo è dunque accessibile a tutte le famiglie che ne hanno bisogno. 





Dettagli progetto

I lavori di costruzione ad Abol sono iniziati nel mese di luglio 2014. Il giorno 15 luglio 2016 alla presenza di Don Giordano Piccinotti, presidente della Fondazione, e Cesare Bullo, responsabile del Project and development office salesiano di Addis Abeba, si è svolta l'inaugurazione della nuova missione.

La Fondazione Opera Don Bosco nel Mondo di Lugano e la fondazione Don Bosco onlus di Milano hanno finanziato la costruzione degli edifici e tutto il necessario per l'arredamento interno delle strutture. 

Dal 2014 al 2016, la Fondazione Opera Don Bosco nel Mondo ha contribuito alla nuova missione di Abol con quasi CHF 260.000,00.

Grazie a tutti coloro che hanno dato il proprio preziosissimo contributo!!!