AGGIORNAMENTI DAL CENTRO DON BOSCO DI BAKAVU

24 luglio 2019

Don Piero Gavioli ha condiviso con noi un aggiornamento circa le attività formative e ricreative portate avanti nella zona di Bukavu, in Congo.

Il 15 luglio, alla scuola di mestieri Tuwe Wafundi di Bukavu, si è tenuta la proclamazione dei risultati. Momento ideale per porre ai ragazzi che hanno frequentato i corsi alcune domande circa il loro percorso di studi, tra le risposte è emersa l'importanza di potersi costruire un futuro grazie all'apprendimento di una professione: un'occasione di riscatto considerata fondamentale per tanti di loro. Ma la vita al Centro Don Bosco non si arresta con la fine dell'anno scolastico: dal 16 luglio ha preso il via la colonia delle vacanze. Durante quattro settimane, ogni mattina, da 150 a 200 bambini e bambine dai 4 ai 14 anni parteciperanno ad attività ricreative ed educative, accompagnati da animatori volontari.

Il Centro di Bakavu tuttavia non è solo questo: da aprile è diventato rifugio anche per 20 ragazzi di strada che hanno tra i 10 e i 18 anni. Un progetto di Louvain-Cooperation di cui il Centro è diventato partner con l'obiettivo di accogliere 20 ragazzi all'anno, nutrendoli, istruendoli e dando loro cure mediche. Un progetto perfettamente in linea con lo spirito di Don Bosco e le attività portate avanti in questo Centro: qui l'attenzione si rivolge soprattutto ai ragazzi vulnerabili e in situazione di strada, a cui viene offerta gratuitamente una formazione professionale perché possano diventare onesti cittadini e buoni cristiani, come diceva don Bosco.